stai leggendo
blog, breaking news

Lakala: risolto il problema del pagamento su Taobao, comincia il dramma del portafogli…

La premessa è: non mi reputo responsabile del prosciugamento dello stipendio di chiunque legga questo post!!!

E’ fantastico e atroce nello stesso tempo (e spero che i miei genitori navigando sul web non troveranno mai questo post). Taobao, il mitico Ebay cinese, ha inventato una nuova metodologia di pagamento che rende l’acquisto sul sito internet una vera e propria passeggiata. Ma partiamo dal principio. A differenza dell’occidentale Ebay, Taobao è un mito e un dramma per tutti gli stranieri. Per iscriversi bisogna immettere i dati dei propri documenti, il website è completamente in cinese, il pagamento va effettuato tramite Alipay (una sorta di Paypal cinese) che però accetta solo determinate banche e, per iscriversi su Alipay, bisogna compiere un procedimento contorto che prevede anche l’invio di un codice sul telefonino da riportare sul sito internet entro 60 secondi dalla ricezione. La parte più difficile nell’uso di Taobao, però, è quella legata alla carta di credito. Per poter effettuare transazioni in rete la credit card deve essere registrata (direttamente in banca) per questo tipo di operazioni. Detto così sembra solo un problema di perdita di tempo. E invece no. Perché i poveri utenti Mac (come me), quelli che hanno detto “No” all’ultima versione di Internet Explorer e quelli in possesso di un miniportatile non possono effettuare transazioni on line tramite le banche cinesi. Quindi? Dopo due anni e mezzo di invidie e gelosie nei confronti di quelli che sfoggiavano la nuova sciarpa o vestiti appena acquistato sul sito ad un prezzo bassissimo, finalmente Taobao mi è venuto incontro. E così è nato Lakala, apparecchio simile ad un POS che si trova in tutti i supermercati o che puoi acquistare e tenere a casa (399 RMB). Fai l’acquisto su Taobao, selezioni Lakala come metodo di pagamento, ti arriva un codice sul telefonino, vai al supermercato , digiti il codice, paghi con la carta di credito e il gioco è fatto. Lo so, è difficile comprendere quanto possa essere importante un metodo di pagamento del genere quando in Italia, anni fa, hanno inventato la Postapay. In Cina è una svolta per il Laowai (lo straniero). Non mi credete? Vi sfido ad aprire il sito http://www.taobao.com e a fare un acquisto. Buona fortuna!

Annunci

Informazioni su aschilliro

Journalist for Style.it, Leiweb.it, La Sicilia. Communication, Marketing and event manager Flamingo Shanghai

Discussione

13 pensieri su “Lakala: risolto il problema del pagamento su Taobao, comincia il dramma del portafogli…

  1. VIVERE IN CINA PREVEDE ANCHE IL FATTO DI ABITUARSI A SITI LOCALI, E QUINDI ALLA VITA LOCALE… IMPARARE LA LINGUA I COSTUMI… IO FACCIO TANTISSIMI ACQUISTI SU TAOBAO PERCHE’ PARLO E LEGGO BENE LA LINGUA MA SPT PERCHE HO AMICI E COLLEGHI CINESI CHE MI AIUTANO… SE VOLETE VIVERE IN CINA E FARLA LA VOSTRA NUOVA CASA SFORZATEVI DI ENTRARE IN QUESTI SCHEMI

    Pubblicato da MARTA | 20 luglio 2012, 22:10
    • Ciao Marta, io vivo in Cina da due anni e mezzo e a Pechino ho vissuto sei mesi. Non ho la fortuna come te di parlare cinese perché all’università ho studiato arabo e qui sto facendo un corso di cinese proprio per impararlo. purtroppo ci sono tantissimi occidentali qui che non hanno studiato in passato e oggi, per forze maggiori (vedi il lavoro), non posso prendere parte a nessun corso. Credo quindi che sia straordinario che Taobao abbia messo un servizio del genere che, comunque, resta sempre in cinese così come il sito. Non credo che le persone qui non vogliano entrare negli schemi cinesi credo che, anche in questo senso, sia una questione di tempo, non tutti, infatti, hanno la possibilità di avere degli amici e/o colleghi che possono perdere tanto tempo nell’aiutare chi non capisce la lingua a fare degli acquisti su Taobao. Fortunatamente c’è sempre il supporto google traduttore e ora questa bella invenzione di Taobao. Comunque, se hai letto bene il post, non è un problema della lingua cinese in sé e per sé, nel caso specifico il discorso è legato all’impossibilità di collegare la propria carta o poer acceder dal proprio computer. E questo, ahimè, è un problema che con la barriera linguistica c’entra ben poco! 🙂

      Pubblicato da aschilliro | 20 luglio 2012, 22:35
  2. Ciao,
    sono Laura e sono capitata su questo post, perchè sto cercando di capire il rompicapo TaoBao..
    sono una persona molto determinata, ma credo che questo non basti! sicuramente sapere la lingua sarebbe per me un gran passo avanti! Sono interessata a TaoBao non come cliente, ma come venditrice..ed è veramente complesso..Leggendo il tuo post, mi sembra d’aver capito che sei riuscita a ricevere il codice sul tuo telefonino, ma in Italia oppure su numero cinese? io mi sono fatta aiutare da un nostro cliente di Hong Kong e così sono riuscita a ricevere il famigerato codice! ora il mio secondo muro, anzi muraglia, è il collegamento al conto Alipay…come faccio ad aprirlo..e soprattutto a gestirlo dall’Italia? secondo te è possibile?
    grazie, da una disperata italiana impigliata nella rete cinese!

    Pubblicato da laura | 8 settembre 2012, 17:52
    • Ciao Laura. Per quello che possono dirti ho provato a connettere il mio conto con Alipay, nonostante le difficoltà causate dalla lingua in qualche modo sono riuscita a farlo ma per un ragione assolutamente ignota (visto ceh avevo attivato le transazioni su internet per la mia carta cinese) non sono mai riuscita a pagare con Alipay. Tra qualche giorno posterò un aggiornamento sull’argomento perché hanno appena fatto un sito internet che aiuta ad acquistare e vendere su Taobao. Chiaramente sono dei cinesi e chiaramente bisogna pagare per il servizio. Se ho qualche altra novità sull’argomento Alipay la posto al più presto perché sono (siamo) in tanti ad avere problemi da questo punto di vista. Ecco perchè Lakala è stata risolutiva per chi abita qui. In ogni caso posterò il website di questi cinesi così in generale (almeno) puoi avere, tu come altri che non abitano qui, una soluzione alternativa. 🙂

      Pubblicato da aschilliro | 9 settembre 2012, 07:02
  3. ciao , per me è molto importante sapere se il servizio Lakala funziona anche in italia.
    insomma se lo compro e melo faccio spedire, qui in italia funzionerà?
    vorrei comprare cose su taobao
    grazie

    Pubblicato da dienniffer | 2 luglio 2013, 04:56
    • Il servizio Lakala è disponibile, ad oggi solo in Cina. Farò a breve un aggiornamento perché finalmente è possibile pagare con carte estere (Visa e Mastercard) ma bisogna chiedere sempre al venditore se spedisce anche in Italia. Aggiornerò il post questo weekend così vi spiegherò i nuovi metodi per poter pagare anche dall’estero, sempre con la consapevolezza che bisogna però richiedere al venditore se spedisce.

      Pubblicato da aschilliro | 9 luglio 2013, 22:21
  4. io risiedo in italia ma sono cinese, ma alla fine non c’è ancora un metodo per i cittadini che risiedono fuori dalla cina per comprare su taobao??

    Pubblicato da wicia | 5 luglio 2013, 22:25
    • Purtroppo, ad oggi, l’unico metodo è parlare con il venditore. Nella parte inerente alle ricerche è prevista la sezione “oltremare” come spedizione, ma è sempre meglio parlare con il venditore perchè spesso loro intendono Macau, Hong Kong e Singapore come oltremare.

      Pubblicato da aschilliro | 9 luglio 2013, 22:19
  5. Ciao volevo chiederti se secondo te è conveniente cercare di vendere prodotti italiani su taobao, inoltre com’è vista la figura del taobao agent..?? per vendere posso ricorrere solo a loro o ci sono altre strade che posso intraprendere..?? ti ringrazio anticipatemente
    un saluto dall’italia

    Pubblicato da Alberto Bucciante | 15 luglio 2013, 10:34
    • Ciao Alberto, diciamo che per quanto riguarda i prodotti italiani e Taobao non ho una risposta ma una domanda: che tipo di prodotti?
      Diciamo che il Taobao agent, se sai a chi affidarti, può aiutarti molto e darti un grosso supporto, soprattutto visto che, senza essere un cinese, è impossibile aprire uno store su taobao. Comunque il discorso è piuttosto lungo e complesso nel senso che la tua merce comunque si dovrebbe già trovare in Cina e bisognerebbe capire anche di che tipo di merce si tratta. Mandami un’email a aschillio@gmail.com in cui mi spieghi meglio la situazione e il tipo di prodotto. Così è molto difficile darti una risposta

      Pubblicato da aschilliro | 17 luglio 2013, 19:50

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: